Repertorio disponibile

Cerca nel repertorio disponibile

Coreografo

Anno produzione

Quadri

tyd01Proposto sotto forma di contenitore, Quadri permette di vedere il multiforme lavoro coreografico di Ricky Bonavita e della Compagnia Excursus in sempre nuove versioni. Accanto a brani tratti dal repertorio della compagnia, il programma accoglie lavori di alcuni danzatori, coreografie nate in momenti e per esigenze diverse, ma in sintonia con l’approccio alla danza che distingue le creazioni coreografiche di Ricky Bonavita.

La contaminazione dei codici della tecnica accademica con la dinamica di un personale linguaggio di movimento si esprime in una danza di immediata comunicativa, dove convivono l’espressione gestuale con l’astrazione della linea, l’azione drammaturgica con l’uso dello spazio e del ritmo, il lirismo e la stilizzazione delle forme con la poetica e l’emozione dei contenuti.

Leggi tutto...

Tre fiori rossi

trefiorirossi01“Un gesto è bello soltanto quando ha dipinto la tristezza, la tenerezza, la fierezza – in una parola l’anima.”
Charles Batteux, Les Beaux Arts réduit à même principe, Paris 1748

Corpo, suono, immagini, scritti sono i diversi elementi poetici e drammaturgici da integrare in un testo coreografico liberamente ispirato al lirismo pittorico di Toni Bonavita (1923 –1991) artista visivo, pittore, critico d’arte, editore, che ci ha restituito attraverso le sue opere, dense di luce solare e di atmosfere desertiche, un universo di forme, colori e testi poetici dove ricorrono strutture, tralicci e impalcature, spiagge deserte e campagne alla periferia delle città, barche, reti e voli di gabbiani su distese marine, fiori e volti femminili di un mondo in trasformazione.

Il tema delle relazioni umane, del rapporto tra gli individui, in senso più ampio il concetto dell’amore nelle sue infinite accezioni possibili diventa centro di un racconto onirico ed emozionale, in cui i corpi dei danzatori ci riportano a percepirne la vibrante attualità.

Una danza fluida, quasi liquida, scorre sullo sfondo di una colonna sonora “calda” in cui si alternano ritmi techno e worldmusic, con tanghi e con alcune voci femminili, icone degli anni ’70, fra cui Mina e Patty Pravo, per dare luogo ad una drammaturgia simbolica, densa delle atmosfere oniriche e surreali che distinguono la “poesia dell’immagine” di Toni Bonavita.

   
   
Leggi tutto...

Anxia & Extasis

in collaborazione con l'ISR (Istituto Svizzero di Roma) e con il contributo di IMAIE che promuove

Una serata concepita in due diverse sezioni, due tempi collegati e speculari come gli stati d’animo cui allude il titolo, seguendo l’individuo messo a confronto con la realtà in due ambientazioni opposte.
Nella prima il ritmo incalzante e la tendenza ad annullare il singolo all’interno di una sorta di catena di montaggio comportano il pericolo della perdita dell’individualità, mentre nella seconda la celebrazione di un egocentrismo spinto all’estremo rischia la perdita del contatto con la realtà.

Il primo tempo si apre dunque in una fredda atmosfera costruttivista, caratterizzata dalla partitura musicale originale di Marco Schiavoni. La tecnologia sembra sopraffare le emozioni, apparentemente annullate, ma invece presenti in un’inquietudine dell’animo e in un affanno senza tregua. La proiezione estrema del gesto e del movimento è interrotta solo da brevi pause di calma elettronica.

Il sublime e il sacrale sono invece gli elementi che caratterizzano la seconda parte della serata dove la coreografia tende alla stilizzazione estrema dei momenti lirici. Un monaco solitario, perso in un suo immaginario fatto di visioni romantiche e personaggi conturbanti, conduce il pubblico in un ipotetico viaggio dell’inconscio. Atmosfere mistiche e rarefatte avvolgono personaggi e relazioni sensuali, appartenenti ad una realtà parallela. Le scelte musicali e la magia della scenografia video di Roberto Carotenuto contribuiscono ad amplificare la forte componente onirica e surreale della partitura coreografica.

Due sezioni contrapposte ma dicotomiche, dove gli spunti emozionali dettati dai diversi momenti drammaturgici danno luogo ad incontri ora crudi e realistici, ora simbolici e surreali, ma sempre stilizzati in un linguaggio corporeo di estrema tensione emotiva.

Leggi tutto...

Sarabanda

sarabandacon il patrocinio del Festival Barocco 2005 di Viterbo

Con questa produzione intendiamo approfondire il felice accostamento fra musica antica (barocca) e danza contemporanea già sperimentato nella produzione 2003 Folìa, tuttora presente nel repertorio della compagnia.

Nel 2004 abbiamo iniziato la collaborazione con l'Orchestra da Camera della Campania, specializzata nell'esecuzione della musica antica, e con il suo direttore, il M° Luigi Piovano, primo violoncello dell'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. In accordo con il M° Piovano la rosa degli autori comprenderà Georg Friedrich Händel, Johann Sebastian Bach, Arcangelo Corelli e Antonio Vivaldi.

La musica barocca con la sua ricerca dell'equilibrio perfetto, dell'armonia sublime dà luogo ad una riflessione sul rapporto dualistico fra ragione e sentimento, fra spiritualità e materialismo, fra l'immanente e il trascendente. Proprio nella musica del secolo dei lumi si avvertono le tensioni che lacerano gli spiriti di quel tempo, il pragmatismo della scienza opposto al rifugio nel misticismo e nella metafisica. La danza, come forma di spettacolo, e come espressione artistica del potere e dell'ordine, conosce nel barocco un suo momento di splendore nonché l'avvio alla sua codificazione accademica.

Oggi la nostra ricerca coreografica ed artistica, oltre ad una personale esperienza ventennale, fa riferimento ad una cultura molto più ampia, che comprende anche i linguaggi contemporanei della danza e le esperienze e le riflessioni sulla contaminazione odierna fra le arti, le culture e i codici, nonché ad una diversa coscienza del corpo del nostro tempo. Al tempo stesso l'età barocca esercita un grande fascino su di noi, e le tensioni e i conflitti che serba nel suo profondo sono un punto di partenza per una ricerca artistica attuale.

Altri credits:
Danza: Compagnia Excursus, diretta da Ricky Bonavita e Theodor Rawyler
Esecuzione musicale dal vivo: Orchestra da Camera della Campania
Direzione d'orchestra e violoncello solista: Luigi Piovano
Violino solista: Grazia Raimondi

Leggi tutto...

Moods

moodsIl lavoro propone come ambientazione una sorta di locale dove si ascolta musica jazz. Diversi personaggi popolano la scena in un continuo intrecciarsi di sottili, ludici o seducenti giochi di relazione, tenuti a bada da un barman quanto mai improbabile...

Le forti componenti delle sonorità jazz hanno ispirato in tal senso brani coreografici in cui il lavoro, pur essendo sempre di ricerca stilistica e di linguaggio, verte piuttosto sui rapporti fra le diverse tipologie di personaggio, suggerite dalle variazioni strumentali, timbriche e melodiche dei vari brani musicali.

Una sorta di viaggio, in cui il percorso individuale di ognuno degli interpreti si incontrerà per dare luogo ad azioni drammaturgiche avvolte da atmosfere dark di fumosi luoghi chiusi. La danza, ora passionale e lirica, ora scatenata e trasgressiva, avrà sempre il suo rigore stilistico accompagnato anche da momenti che lasceranno spazio alla creatività estemporanea dei danzatori, avvolti dai continui stimoli melodici e ritmici del coinvolgente jazz della compositrice italiana Stefania Tallini.

Leggi tutto...

Folìa

foliada un’idea di Ricky Bonavita e Riccardo Marini
produzione realizzata in collaborazione con il Festival Barocco di Viterbo 2003

L’idea per questa produzione è nata dal desiderio di una possibile collaborazione tra la Compagnia Excursus e il Festival Barocco di Viterbo. Il programma musicale scelto accompagna una serata articolata in sei diverse coreografie, un incontro tematico e stilistico fra musica barocca e danza, ma anche un’ipotesi di ricerca contenutistica sull’attualità di alcune partiture scelte da quel repertorio musicale.

Sei quadri che si differenziano per tematiche e personaggi, ma prima ancora per la scelta dei relativi brani musicali. Si passa dunque dalla Suite n° 1 in Sol Maggiore per solo violoncello di Johann Sebastian Bach, al Concerto in La Minore opera 3, n° 6 da l’Estro Armonico di Antonio Vivaldi, per chiudere il primo tempo con le Leçons des morts di Sébastien de Brossard, una partitura cantata per soprano e controtenore. Apre il secondo tempo l’Allemanda, primo movimento della Partita n° 2 in Re Minore per solo violino di Johann Sebastian Bach, seguita dalla Folìa, tema con variazioni in Re Minore per violino e cembalo di Arcangelo Corelli, ed infine il Concerto in Si Minore RV424 per violoncello, archi e cembalo di Antonio Vivaldi, che chiude la serata.

Danza e musica barocca s’incontrano così per dare luogo ad una contaminazione in cui tecnica e dinamica del linguaggio coreografico propongono un’azione dove convivono gestualità con astrazione di linea, azione drammaturgica con uso di spazio e ritmo, lirismo e stilizzazione delle forme con poetica ed emozione dei contenuti. I brani musicali scelti, vere architetture ritmiche e polifoniche, ricche di sfumature armoniche e melodiche, accompagnano partiture coreografiche dense di situazioni e personaggi diversificati. Si alternano così momenti romantici, trasgressivi, o inquietanti, ad altri che lasciano spazio all’amore per il puro formalismo estetico, creando atmosfere surreali in continuo divenire.

Leggi tutto...

Rush

rushNella dimensione di un immaginario luogo metropolitano, diversi individui vivono incontri casuali ed emozioni fugaci. Nell'atmosfera dinamica e frizzante creata dalle sonorità tecno, situazioni di quotidiano ma stilizzato realismo si alternano a momenti di surreale intimità.

Un contesto urbano e tecnologico dove rapporti contrastanti o di sottile complicità creano deliranti percorsi dinamici e gestuali. Una drammaturgia dove visionari personaggi del nostro tempo propongono il proprio vissuto giocando ironicamente con lo spazio, il ritmo, l'energia.

Rush rappresenta un passaggio rilevante nel repertorio della Compagnia Excursus. Il cast, inizialmente composto di tre donne e due uomini, è stato in seguito radicalmente cambiato e ampliato per dare luogo ad una coreografia per una donna e quattro o cinque uomini, ma grazie alla sua struttura fortemente modulare questo lavoro è stato realizzato in alcune occasioni anche per otto danzatori. Spesso rappresentato insieme a Moods o all’interno del programma Quadri, questa coreografia è stato un banco di prova tecnico e interpretativo importante per molti danzatori che hanno fatto parte della compagnia nel tempo.

Leggi tutto...

Eroi ...omaggio a Giuseppe Verdi

eroiNel teatro melodrammatico di Giuseppe Verdi ricorre il personaggio dell’eroe, figura chiave dalle infinite caratterizzazioni e sviluppi, che invita lo spettatore a proiettare il proprio mondo fantastico su personaggi ed eventi che animano la scena.

Una possibile indagine su diverse tipologie di personaggio, espressa attraverso un linguaggio gestuale e dinamico al tempo stesso. Una sorta di “festa” in un interno con la presenza di figure, la cui azione danzata è continuamente attraversata da una vena ironica, talvolta anche ludica. “Eroi ed eroine” nei quali gioco e seduzione obbligano ad un’autoironia che aleggia per tutta la serata, e che alleggerisce e/o volutamente contrasta la tendenza drammatica di alcune delle partiture musicali scelte.

Le atmosfere suggerite da alcune opere del grande maestro vengono qui estrapolate dai loro contesti narrativi, e rielaborate in un quadro drammaturgico più propriamente contemporaneo, dove i personaggi presentati non vogliono riproporre quelli delle opere, ma solo coglierne alcuni aspetti, per farli rivivere in una chiave di lettura a noi più vicina.

Il testo musicale è caratterizzato dalla presenza di alcuni brani scelti dal repertorio lirico di Verdi (l’overture da I Masnadieri, Il ballo della Regina dal Don Carlos, alcune arie, romanze, o ballate tratte da Macbeth, da Il Trovatore, da Rigoletto, da Un ballo in maschera, etc.) e da altri che fanno invece parte della sua produzione strumentale (Quartetto d’archi in mi minore).

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare acconsenti all’uso dei Cookie.
Maggiori Informazioni Ok Declina